Foggia in 12 slide

 

Da U sole garde i titte (Il sole brucia i tetti), poesie in dialetto foggiano (autoprodotta nel 2010, presso Arti Grafiche Gitto, Foggia)  riportiamo una poesia “Fogge” dedicata alla sua città da Gianni Ruggiero, autore di una prima raccolta Me Giuà accunde accunde (2006) e di Me mìise l’ucchie ‘ngulle (2007). Ruggiero ha avuto anche esperienze di attore e di regista teatrale con la messa in scena de “U terette d’a memorie” ed è anche autore di canzoni.

 

Qui di seguito, oltre alla poesia citata, riproduciamo un video con la voce di Ruggiero che recita la poesia “Estate 1943” (con alcune modifiche nella raccolta citata) dedicata al devastante bombardamento della sua città.

Fogge

Fogge eje n’addore
Fogge eje na tinde de sole
Eje i rènele che vanne vulanne
n’acque che nen t’abbagne.

Fogge eje nu mare gialle
Eje ’a felinie d’a restocce garze

Fogge eje i titte vasce
l’irmece cku ciuffe da’ cambumille
i grotte che tornene a nasce

Fogge eje Sammechele che è sparite
(u frustire teneve nu’mbicce).

Fogge eje na resate
’a canusce senza sapè chi è state

Fogge eje ind’e facce da ggende
’a vìde d’a cammenate,
da cumme t’ha guardate.

Fogge eje na suggiulelle de zoche
nu crijature che joke
‘nu giuvinotte che se ’mboche

Fogge eje nu lastre appannate
’a figghiole che suspire
quanne u guarde da sope.

Fogge eje nu tratture p’a cecorije
nu banghetille p’i fiche d’ìnie
’a scurzime de Tatonne.

Fogge eje ’a condrore quanne dorme
’a rezze che teculèje nnand’a porte.
Eje quanne se duscete.

Fogge eje u struscje p’u corse
da nu pizze a n’ate eje già fenute.
Eje nu salute cka cape ogne vote

Fogge eje cinde nnammurate
sott’a l’arve ‘i pigne trubbucate.

Fogge eje ajìre, èje ogge,
cumannate de’ frustire

Foggia mije
quann’eje che è rìre?